sabato , 23 settembre 2017

Il comunicato Andi sul parere CSS

Il Consiglio Superiore di Sanità riconosce le competenze degli Odontoiatri in merito ai trattamenti di medicina estetica

Qualcuno lo ha definito un passaggio storico, di certo è sicuramente una tappa importante, quella riconosciuta nel parere emanato dal Consiglio Superiore di Sanità (vedi allegato) in merito alle competenze dei Laureati in Odontoiatria rispetto all’esecuzione di trattamenti di medicina estetica.

Il parere, citando anche il Position Statement sottoscritto tra ANDI e il Collegio delle Società Scientifiche di Medicina Estetica (vedi Newsletter di Presidenza del 27 marzo 2014),  ribadisce la piena legittimità dell’Odontoiatra ad eseguire terapie di medicina estetica, introducendo il limite della “zona labiale” come area di operatività dell’intervento, che deve comunque essere correlato ad un “protocollo di cura odontoiatrica ampio e completo proposto al paziente”.
Nel parere sono stati posti anche alcuni limiti all’utilizzo dei farmaci off-label (es. botulino).

“Si tratta di un riconoscimento importante della visione da tempo proposta da ANDI e sostenuta anche dalla CAO Nazionale, sicuramente ottenuto grazie al lavoro svolto nei mesi scorsi dalla nostra Associazione, che ha portato anche alla sottoscrizione del Position Statement con le Società Scientifiche di Medicina Estetica” – commenta il Presidente Nazionale Gianfranco Prada.

Considerando la potenza delle forze in campo, sono comunque soddisfatto solo in parte del parere del Consiglio Superiore di Sanità; fondamentale è stato certo il riconoscimento della liceità a praticare attività di medicina estetica da parte dei Laureati in Odontoiatria, critiche sollevo invece in merito alla limitazione del distretto anatomico di competenza che la Legge 409/85 prevede negli interi tessuti mascellari e che il CSS ha voluto invece restringere alla zona labiale. Su questo aspetto, in caso di contenzioso, ritengo comunque che qualsiasi giudice darebbe maggior valenza alla Legge rispetto ad un parere del CSS.

“Proseguiremo quindi il nostro impegno e le nostre battaglie – conclude il Presidente – perché i limiti e le metodologie di intervento ora indicati dal CSS, possano essere ulteriormente ampliati, col pieno riconoscimento delle competenze e della valenza professionale, anche in questo settore, degli Odontoiatri italiani”.

La Segreteria di Presidenza.

(da ANDI – News Presidenza – 6 Ottobre 2014)

About poiesisweb

POIESIS è un’associazione di odontoiatri, medici e professionisti che condividono come interesse principale l’Estetica Facciale. POIESIS promuove l’aggiornamento professionale, lo sviluppo culturale e la formazione di gruppi di studio.

Check Also

Chiarimenti alla determina AIFA per gli Odontoiatri

Gli odontoiatri possono acquisire la tossina botulinica direttamente dalle aziende produttrici Dopo la determinazione 241/2017 …